News

Fausto Leali in concerto sabato 8 dicembre a Taurianova

Spettacolo musicale - Sabato 8 dicembre 2018 - ore 21.00 – Piazza Italia 

Sarà la musica di Fausto Leali a farla da padrone nella seconda serata del Festival del Torrone.
Da “A chi” a “Io camminerò”, passando per “Mi manchi” e “Ti lascerò”: le canzoni di Fausto Leali hanno fatto la storia della musica leggera italiana.

Parlare di Fausto Leali significa attraversare oltre cinquant’anni di storia musicale. Nato il 29 ottobre del 1944 a Nuvolento, in provincia di Brescia, Leali si avvicina al canto sin da giovanissimo, militando in diverse orchestre della sua zona. Reduce dall’immenso successo della canzone “A chi”, prima in classifica per intere settimane, debutta al Festival di Sanremo l’anno successivo con “Deborah”, in coppia con il cantante statunitense Wilson Pickett, che si posizione al quarto posto. Sul palco del Teatro Ariston ci torna per altre dodici volte: nel 1969 con “Un’ora fa”, nel 1970 con “Hippy”, nel 1972 con “L’uomo e il cane”, nel 1973 con “La bandiera del sole”, nel 1987 con “Io amo”, nel 1988 con “Mi manchi”, nel 1989 vincendo insieme ad Anna Oxa sulle note di “Ti lascerò”, nel 1992 con “Perché”, nel 1997 con “Non ami che te”, nel 2002 con “Ora che ho bisogno di te” insieme a Luisa Corna, nel 2003 con “Eri tu” e nel 2009 con “Una piccola parte di te”. Tra le canzoni che arricchiscono il suo ricco repertorio, ricordiamo: “Follia d’estate”, “La campagna in città”, “Lei ti ama”, “Allora non era more”, “Raccontalo ad un altro”, “È solo un gioco”, “Senza di te”, “Senza luce”, “E’ colpa sua”, “Angeli negri”, “Tu non meritavi una canzone”, “Portami con me”, “America”, “Quando me ne andrò”, “Amore amore, amore dolce, amore mio”, “Non andremo mai in paradiso”, “Io camminerò”, “Musica ti amo”, “Canzone facile”, “Gente comune”, “Via di qua” con Mina, “Avrei voluto” con Anna Oxa, “Nascerà”, “Sono tornato”, “Le nostre mani” con Al Bano Carrisi e Toto Cutugno, oltre all’ultimo meraviglioso album di cover “Non solo Leali”, nel quale ha duettato con grandi nomi del nostro panorama musicale: da Mina a Claudio Baglioni, passando per Renzo Arbore, Francesco De Gregori, Alex Britti, Clementino, Massimo Ranieri, Umberto Tozzi e Tony Hadley.